Champions League, cosa serve alle italiane per arrivare agli ottavi

Dopo quattro giornate della fase a gironi, la Juventus ha già staccato il pass per gli ottavi di Champions League: con la doppia vittoria per 2-1 sulla Lokomotiv Mosca, i campioni d’Italia guidano il gruppo con 10, a +3 sull’Atletico Madrid secondo e soprattutto a +7 proprio sui russi e sul Bayer Leverkusen. Distacco ovviamente incolmabile con due partite da giocare e posizione ottima per portare a casa anche il primo posto. La Juve è già in buona compagnia (anche PSG e Bayern Monaco sono aritmeticamente agli ottavi), vedremo se sarà accompagnata anche da altre italiane nelle magnifiche 16.

Il Napoli ha di certo le maggiori chances di qualificazione, anche se i tumulti interni degli ultimi giorni lasciano aperto qualsiasi scenario. L’Inter ha in mano il proprio destino anche se è in una situazione complicata, mentre l’Atalanta nonostante un solo punto in 4 giornate può contare ancora sulla matematica. Andiamo a vedere la situazione delle tre italiane in cerca della qualificazione agli ottavi di Champions, provando ad offrire qualche spunto anche a chi vorrà effettuare una scommessa sui bookmakers italiani legali e certificati AAMS e che sulle loro piattaforme offrono anche vlt gratis.

Gruppo E

Il Napoli poteva chiudere il conto nell’ultimo turno: contro il Salisburgo, al San Paolo, è però finita soltanto 1-1 e i partenopei dovranno quindi aspettare per festeggiare la terza qualificazione agli ottavi nella propria storia. Gli uomini di Ancelotti, a 8 punti, hanno perso il comando del girone, scavalcati dal Liverpool (9) ma comunque a +4 proprio sul Salisburgo (4). Chiude il Genk a 1.

Nel prossimo turno gli azzurri saranno di scena proprio a Liverpool. Difficile pensare al colpaccio esterno (che spalancherebbe le porte al primo posto), potrebbe essere importante cogliere un pareggio. Ammesso che il Salisburgo vinca le ultime due partite (Genk fuori e Liverpool in casa), gli austriaci arriverebbero a 10 punti: al Napoli ne basterebbero 2, quindi due pareggi, per avere lo stesso bottino ma con gli scontri diretti a favore. In realtà con questo scenario ci sarebbe un triplo arrivo a 10, col Liverpool e Salisburgo che sarebbero dietro al Napoli nella classifica avulsa.

Si tratta, comunque, di un’ipotesi remota: al Napoli basterà semplicemente battere il Genk al San Paolo, nell’ultima giornata, per staccare il pass.

Gruppo F

Barcellona 8, Dortmund 7, Inter 4, Slavia Praga 2: è questa la classifica, complicata per i nerazzurri. La buona notizia è che l’Inter dipende da sé stessa. Con due vittorie, in trasferta con lo Slavia e in casa col Barcellona, gli uomini di Conte sarebbero qualificati. In questo senso sarebbe un ottimo risultato una vittoria del Barcellona nel prossimo turno col Dortmund, al Camp Nou: ciò consentirebbe ai catalani di andare a San Siro già qualificati e sicuri del primo posto. Insomma, sei punti possono essere alla portata, anche se prima c’è da conquistare la vittoria a Praga e, vista la partita dell’andata a San Siro, non sarà semplice.

Da segnalare che l’Inter ha gli scontri diretti favorevoli col Dortmund, un dettaglio da non sottovalutare considerato che un arrivo a parità punti a quota 10 può essere uno scenario molto probabile.

Gruppo C

Incredibilmente l’Atalanta può sperare ancora nella qualificazione. La classifica dice Manchester City 10, Dinamo Zagabria e Shakhtar Donetsk 5, Atalanta 1. A tenere in vita i bergamaschi ci hanno pensato i due gol, nel recupero, dello Shakhtar a Zagabria per il 3-3 finale.

La clamorosa rimonta dei nerazzurri non è così impensabile come sembra. L’Atalanta deve ovviamente cominciare a battere la Dinamo Zagabria, a San Siro, nel prossimo turno e sperare che il Manchester City non perda a Donetsk. A quel punto la classifica prima dell’ultima giornata sarebbe la seguente: City 13 (o 11), Shakhtar 5 (o 6), Dinamo Zagabria 5 e Atalanta 4. Nell’ultima giornata sarà ancora determinante il risultato degli inglesi, che non devono perdere in Croazia con la Dinamo, mentre l’Atalanta sarà chiamata al colpaccio in Ucraina contro lo Shakhtar. Certo, le possibilità sono remote: ma il solo fatto di avere chance concrete di arrivare “vivi” all’ultima giornata può essere considerato già un affare vista la Champions sin qui molto difficile per i ragazzi di Gasperini.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Like